Riviera del Conero: da Portonovo al Trave

Posted on 19 giugno 2010

4


La Riviera del Conero offre per gli amanti del Kayak una vera e propria opportunità di immergersi in un’ oasi naturale unica nel suo genere. Il tratto di costa che va da Sirolo ad Ancona è infatti un’area unica dell’Adriatico. Il mare cristallino, le spiaggie  ed i fondali misto sabbia e roccia creano un ambiente ideale per il Kayakfishing!

In questo articolo tratterò il primo itinerario: partenza dalla baia di Portonovo ed arrivo all’incantevole barriera naturale del Trave, un lungo scoglio naturale che si estende, a pelo d’acqua, per circa un chilometro verso l’interno della baia. Sopra di esso si trova una costruzione artificiale chiamata “Casotto Fattorini”. Il Trave è uno dei pochi posti in cui i moscioli, ovvero le cozze, nascono in modo naturale.

Il Trave

Diversi sono i punti da cui si può partire con il Kayak. Sicuramente i più comodi sono quelli della parte del “Molo” e della “Torre” dove tra l’altro vi sono rimessaggi per le canoe.  Siamo praticamente nella zona centrale della baia e da qui possiamo raggiungere diversi luoghi: se andiamo verso nord andremo a costeggiare la bellissima spiaggia di Mezzavalle per poi dirigergi verso il Trave, se invece decidiamo di spostarci verso sud andremo verso le Due Sorelle…. ma questa è un’altra storia che vedremo più avanti!!

Tutto il tratto di mare che va dalla Torre verso il Trave è ottimo per la pesca! I suoi fondali rocciosi sono ricchi di diverse specie di pesce tra cui le Spigole, le Lecce, le Ricciole, le Mormore, Orate e Occhiate. Quest’ultime in grande abbondanza soprattutto nei mesi di Luglio e Agosto.  La Spigola può essere insidiata nei mesi primaverili e in Settembre ma non è detto di catturarne anche nei mesi estivi mentre le Leccie fanno il loro arrivo da luglio in poi .

La Torre, Portonovo

La mia tecnica preferita è la traina sottocosta ma buoni risultati si ottengono anche pescando a fondo sopratutto se si vogliono insidiare Mormore e Orate. Per quanto riguarda la traina uso quasi sempre artificiali sinking con dimensioni che variano dai 5 ai 10 cm. Un artificiale secondo me “micidiale” per insidiare la Regina e che l’anno scorso  ha dato ottimi risultati è il Pins della Yo-Zury. Anche la classica piumetta e il vermicello bianco in silicone sono ottimi per pescare le Occhiate e Agore.

Partendo da Portonovo per arrivare quindi al Trave dovremo percorrere all’incirca 3-4 miglia.  Nel mezzo della nostra uscita è doveroso fermarsi nella splendida spiaggia di Mezzavalle, l’unica spiaggia veramente libera della riviera dove poter fare un bel bagno!! Qui l’acqua è quasi sempre cristallina e pulita.

Bene, penso di aver detto tutto….. se avete domande o volete chiedere informazioni non esitate a lasciare un commento all’articolo!!

Ciao e al prossimo itinerario!!

Annunci
Posted in: Itinerari